Il buonsenso al potere: una proposta al PD di Ceccano


Giovanni Proietta ioOvunque si legge dell’ingresso prossimo venturo del Pd in giunta. Con buona pace di risultati elettorali e annesse campagne si fanno ora i nomi dei soliti noti per ricoprire la carica di assessore lasciata vuota dalle dimissioni di Marco Corsi. La pace ritrovata nel centrosinistra costringerà persino Manuela Maliziola a violare la fondamentale promessa di novità creduta per vera da tanti ceccanesi.

Giunti fin qui potremmo imboccare due strade: invocare un puritanesimo che non ci sarà o tentare di piegare gli eventi a una logica più alta, alzando il tiro. L’intento di queste mie parole, davvero timido, sarà proprio questo: perché non trasformare l’ingresso in giunta del Pd in una dimostrazione di disinteresse? Sostituendo magari al poltronismo un pizzico di lungimiranza? Da non iscritto al Pd mi permetto di promuovere quella che sembra essere una scelta di buonsenso.

Da qualche sera a questa parte la Villa Comunale è teatro di una serie di proiezioni molto interessanti sul tema del rapporto tra Cinema e Lavoro, corredata da incontri con registi di fama internazionale, che hanno avuto l’onore di collaborare con alcuni dei più grandi maestri del cinema del secolo scorso. Stasera ci sarà, per esempio, Daniele Vicari, il regista di “Diaz”, di sicuro uno dei migliori film italiani usciti quest’anno, presentato fuori concorso al Festival del cinema di Berlino, premiato con David di Donatello e Nastri d’Argento.

Nel mese scorso presso l’ex Cinema Italia è stato ospite della nostra cittadina Goffredo Bettini, dirigente storico dei democrat, a capo di una fondazione che esporta il cinema italiano nel mondo, ideatore del modello Roma, deus ex machina delle candidature di Rutelli, Veltroni e Marino al Campidoglio, ad oggi aspirante consigliere del Principe fiorentino e da qualche tempo spesso in video su tutte le televisioni nazionali. Ci si chiede chi sia l’artefice di tutto questo?

Si tratta di Diego Protani, un intellettuale raffinato, di profonda cultura che forse ha un solo difetto: essere membro della segreteria del Partito Democratico di Ceccano. Onde evitare il sospetto che le mie conclusioni siano teleguidate le lascio a voi, aspettando, come il Nanni Moretti di “Aprile” , che voi facciate “qualcosa di sinistra”.

Giovanni Proietta 

(pubblicato su “La Provincia” del 18/07/2013)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...