I Millenaristi e il “tafazzismo” di una certa sinistra


di: John Lilburne

 

Con un pizzico di nostalgia guardo a quei “nanetti” comparsi sul Corriere di qualche hanno fa per mano del politologo Giovanni Sartori; per i profani nient’altro che i micropartiti col cerino in mano della traumatica esperienza targata Romano Prodi. L’Unione, non sempre fa la forza, o almeno sembrava questa la lezione ma evidentemente il Partito Democratico è duro di comprendonio. Nel carnet della alleanze, uscito vittoriosamente sminuzzato dalle lotte inutili e intestine, mosse a colpi di mozione dalle sigle più coraggiose, il PD si ritrova accerchiato da un paio di allegre comari, più che “nanetti” parlerei di una coppia di Biancaneve, malate dei propri vizi. Vendola, dopato di estrema sinistra, si ostina a marcare le differenze con il montiano partito democratico, puntando a prendere i voti di tutti coloro che votarono per la Sinistra Arcobaleno, invalidando quelli degli altri schieramenti, si sa, partecipare è bello, necessario ma non sufficiente ma c’è una certa scuola di pensiero purista che elegge a proprio comandamento il detto “meglio soli che mal’accompagnati”. Dall’altra parte del fiume Pierfischiettando Casini (come lo ha ribattezzato Travaglio su l’Espresso di qualche settimana fa) vive lo strano morbo del centrismo all’amatriciana, lo spettro di un anticomunismo che non ha più senso, di un cattolicesimo anacronistico da difendere da tutto e da tutti, tutti buoni motivi per gettarsi nelle braccia di uno che dell’anticomunismo fece una banderuola sotto cui raccogliere le ceneri dell’antica Democrazia Cristiana (operazione peraltro  riuscitissima e mai demodé). Al peggio andrà da solo incassando proporzionale e preferenze, montismo e moderatismo, ramazzando qua e là le posizioni lasciate per terra dal resto del cielo politico. Renzi, unico profeta del fantasma prodiano, giustamente ricorda che le alleanze fatte a tavolino hanno sempre poco successo dentro e fuori il palazzo, peccato che spesso, fagocitato dai media, venga presentato come una specie di Gabibbo del “nuovo” che usa la parola “rottamazione” come comodo intercalare. Nel frattempo Walter “vocazione maggioritaria” Veltroni annuncia in tv il suo allontanamento  dai banchi della politica parlamentare quando altri non ne hanno il coraggio. Ebbene, la battaglia per un New Labour nostrano sembra persa in partenza, per defezione dei suoi storici combattenti e sindrome da ballons d’essai.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...