JPII…


di Gizzi Pierfrancesco

Salve a tutti,

L’avevo promesso, anche se con un pò di ritardo eccolo: un articolo su Giovanni Paolo II.Io di certo non mi arrogo il diritto di farne una descrizione chiara e concisa, anche perché non sono la persona indicata per questo, ma comunque ci proverò.

Su Giovanni Paolo II, non  è facile fare una descrizione su chi sia stato e su che cosa ha fatto, già il Papa Benedetto XVI ne ha delineato, nella Santa celebrazione di beatificazione, un immagine completa. JPII(Giovanni Paolo II, così si leggeva in tutta Roma tappezzati di manifesti con questa sigla) come abbiamo visto nel giorno della sua beatificazione non è stato solo il Papa dei cristiani ma il Papa di tutti e diciamo anche, non è stato solo un Papa ,ma è stato un grande uomo.

NON ABBIATE PAURA, SPALANCATE LE PORTE A CRISTO: così parlò il Papa! Ricorda molto le parole di Gesù ai suoi discepoli nel Cenacolo dopo la sua morte o nel giorno dell’Ascensione. La paura che ci incatena a terra e non ci permette di andare incontro a Cristo, ai nostri fratelli. Ci chiudiamo spesso difronte alla sofferenza nel nostro “Io”, trascurando il prossimo. Giovanni Paolo II, invece, ci insegnò che è il prossimo il nostro “Io”, così come aveva già detto Gesù, ed il papa fu il primo a dare l’esempio in questo, incontrando in un così grande gesto d’amore il suo attentatore. Queste sono parole senza orizzonte che viaggiano sul vento ed entrano nel cuore della gente, non hanno una direzione e nemmeno un obbiettivo volano e di tanto in tanto riaffiorano nel cuore delle persone che l’hanno ascoltate: sono come un campanello di metallo che ci richiama a Cristo.

CONVERTITEVI UNA VOLTA VERRA’ IL GIUDIZIO DI DIO: la frase completa fu questa, detta in Sicilia dopo le stragi di Falcone e Borsellino:<<Questo popolo, popolo Siciliano talmente attaccato alla vita, popolo che ama la vita che dà la vita, non può vivere sempre sotto la pressione di una civiltà contraria, civiltà della morte, lo dico ai responsabili convertitevi una volta verrà il giudizio di Dio>>. Un papa che non ha avuto paura di annunciare la parola di Dio in momenti in cui la paura della morte era veramente forte nel cuore non solo dei siciliani ma di tutta l’Italia.

 FUNERALI: Perché questa foto? Nel giorno dei suoi funerali, dopo che milioni e milioni di fedeli (figli) era passati in Basilica San Pietro a dare un ultimo omaggio al santo padre, sulla sua bara fu messo un Vangelo aperto. Il vento che quel giorno soffiava, sfogliava le pagine del Vangelo, le pagine dei racconti della vita di Gesù e dei suoi discepoli: il papa successore di Pietro (apostolo di Gesù), aveva vissuto quelle pagine ed era stato sempre aiutato dalla forza di Dio; le pagine del libro che sfogliavano al soffio del vento, ha ricordato a tutti in quel triste giorno che il Santo Padre era finalmente tornato alla Casa del Padre. Giovanni Paolo II ha insegnato a tutti (e il suo pontificato fu un esempio) che nella vita noi non siamo mai soli. Le pagine della nostra vita le scriviamo noi con le nostre azioni, ma quando bisogna a volte girare pagina, non ce la facciamo da soli: ma Dio è lì sempre vicino a noi che con lo Spirito Santo (il vento gagliardo della presenza di Dio) ci spinge a non arrenderci mai, ad andare avanti nella vita, a non scoraggiarci mai ed a non cadere nell’egoismo del peccato perché se niente mai ci separerà da Lui (Lettera ai romani, 8,33) noi abbiamo la certezza che Dio è con noi sempre! Il papa è stato un esempio perché nella sua tribolazione per la malattia, difronte alla sofferenza di tantissimi uomini incontrati nei suoi viaggi(Africa, Asia, Polonia, ecc.), difronte all’odio che gli uomini provano per i propri fratelli e sorelle (es. da giovane è stato testimone dell’abominio nazista), difronte al suo tentato omicidio, il papa (sospinto dallo Spirito Santo) non ha mai perso la forza di combattere per  annunciare Gesù al mondo. Tutto quello che ha fatto il papa non l’ha fatto per sè, ma per riportare a Dio noi povere pecorelle smarrite nel mondo, e non l’ha fatto da solo perché Gesù era con Lui (la prova di questo era sempre nelle parole del papa). Nel giorno della sua morte, tutti i cristiani si sentivano persi, perché il loro padre non c’era più, ma qualche giorno più tardi un nuovo padre (per tutta l’umanità) era stato scelto: Benedetto XVI. (Gesù disse ai suoi discepoli “Io sarò con voi”, ed eccone la prova). Come le pagine di un libro, così anche per noi fu il tempo di voltare pagina e dimostrare il nostro amore a questo papa come quello che dimostrammo al suo predecessore, perché anche quest’ultimo vorrebbe così (come detto prima il papa non agisce per sè ma per Dio).

GMG:  <<Nessuno ha inventato le Giornate mondiali dei giovani.  Furono proprio loro (i giovani) a crearle. Continua: <<Queste Giornate mondiali sono diventate una grande e affascinante testimonianza che i giovani danno di loro stessi, sono diventate un mezzo potente d’evangelizzazione. Nei giovani c’è, infatti, un immenso potenziale di bene e di possibilità creative.  Quando li incontro, in qualunque luogo del mondo, attendo prima di tutto ciò che vorranno dirmi di loro, della loro società, della loro Chiesa.  E sempre li rendo consapevoli di questo: ‘Non è affatto più importante ciò che vi dirò: importante è ciò che mi direte voi.>>. Ancora: << Il giorno dell’inaugurazione del pontificato, il 22 ottobre 1978, dopo la conclusione della liturgia, dissi ai giovani in piazza San Pietro: ‘Voi siete la speranza della Chiesa e del mondo.  Voi siete la mia speranza’.  Quelle parole vengono costantemente ricordate”>>. Queste parole (tratte da un discorso del papa ad un GMG) posso bastare.

Chi fu Giovanni Paolo II lo chiedo a voi delusi o contenti di aver letto questo articolo. Chi fu Giovanni Paolo II? Per chi l’ha vissuto, ma vissuto veramente, la risposta si trova nel loro cuore.

Questo link è per chi volesse conoscere JPII: http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/biography/index_it.htm

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...