Democrazia diretta: istruzioni per l’uso – Guida al Referendum



di GiPi:

Premetto che, per dovere civico, ho avvertito la necessità di spiegare in parole povere e comprensibili perlomeno i termini base di discussione riguardo al Referendum, oggetto mistico fatto di Quorum, Corte Costituzionale, Comitato Promotore, Uffici per il Referendum, un mucchio dal quale il cittadino comune e talvolta il ragazzo, fa fatica a trarre qualcosa di significativo.

Spero di essere il più chiaro possibile e risulterò generalista agli esperti, so di errare, ma sbaglio a fin di bene. Facciamo un po’ d’ordine.

Nel nostro Paese, il 12 giugno dalle 8 alle 22  ed il 13 giugno dalle 7 alle 15 (è domenica) ci sarà un referendum. Cos’è un referendum?

L’art. 75 della nostra Costituzione (che non sto qui a riportare) ci dice che il potere, per così dire, di fare o comunque promuovere una legge, non spetta solo al Parlamento; o meglio che i cittadini possono decidere di abrogare (cioè cancellare) una legge o parte di essa. Un gruppo di persone (500000 cittadini italiani) oppure 5 regioni, possono decidere di voler cancellare una particolare legge.

Dopo numerose valutazioni (sulle quali sorvoleremo), si arriva a porre  in forma di domanda (i famosi “quesiti”) questa “cancellazione”, una domanda a cui rispondere SI o NO. Ora gli Italiani devono rispondere e l’art.75 ci dice che c’è bisogno che vada a votare la metà+1 di quelli che hanno il diritto di voto.

Facendo un breve calcolo, poiché in Italia siamo più di 45 milioni di abitanti (che possono votare), ne servono più di 25 milioni nelle urne perché il Referendum abbia effetto, altrimenti le cose rimangono come sono (ecco perché qualcuno dice di stare a casa). Detto questo, andando a votare, si decide per il SI o per il No e chi ha la maggioranza dei voti, vince: in parole povere, “si fa così”.

Ora torniamo a noi. Quest’estate, vi dicevo, in Italia ci sarà proprio un Referendum che raccoglierà tre referendum su tre materie differenti: 1) la gestione dell’acqua; 2) l’energia nucleare; 3) il legittimo impedimento.

Se siete così informatizzati da poter leggere questa pagina non sarà un problema tenervi informati sul resto. Ognuno di questi quesiti porta con sé due scuole di pensiero contrarie, opposte, tra le quale sta a voi scegliere. L’importante è: ANDIAMO TUTTI A VOTARE!

Per dire la nostra e dare spazio alle nostre idee, qualsiasi esse siano.

Per maggiori informazioni:

http://www.senato.it/istituzione/29375/131336/131337/131354/131360/articolo.htm

http://www.sireferendum2011.it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...