Sondaggio Repubblica: trasportiamo l’unione dal web al mondo reale


Dopo l’emozionante ed attesa vittoria nel Sondaggio finalizzato a portare sulle pagine di Repubblica la situazione ambientale inerente la Valle del Sacco, inizia la seconda fase del lavoro: i giornalisti del famoso quotidiano nazionale hanno mosso qualche passo e preso i primi contatti.

 

Inizia per noi la fase più difficile: se è vero che chi ben comincia è a meta dell’opera, ora dobbiamo trasferire i nostri intenti dal Web al mondo reale, trasformare le parole e le idee in fatti.

Per farlo, mi sembra opportuno porre attenzione su cosa ha spinto centinaia, migliaia di persone a cliccare la casella inquinamento sul sondaggio, a condividere pensieri sull’apposito gruppo, a passare dallo sconforto per un risultato difficile da sovvertire alla gioia della vittoria, a chiedere di formare un gruppo che nel concreto lavori per denunciare a Repubblica il degrado attuale della Valle del Sacco.

 

A mio avviso, mai come questa volta, i cittadini di Ceccano e della zona colpita dal problema ambientale, hanno voluto dare un segnale forte e chiaro: occorre una risoluzione rapida e ponderata, un’unione di intenti, una netta presa di posizione contro i personalismi e i giochi partitici che da molto tempo alimentano la “navette” inarrestabile della morte e del degrado.

“Uniti si vince”, abbiamo dimostrato un’unione indissolubile in questi giorni e abbiamo raggiunto il risultato: quello di vincere il sondaggio certo, di portare all’attenzione dei media nazionali il problema certo, ma soprattutto quello di svegliarsi la mattina pensando a come risolvere un problema che ci affligge, sentirsi di nuovo cittadini in quanto attori del nostro destino, provare un’empatia mai affiorata sino ad ora.

Ora però occorre un ulteriore passo in avanti: in quanto partecipanti ed “azionisti” di quei settemila e più voti con cui l’opzione da noi sostenuta è risultata la vincente, dobbiamo far si che questo problema sia trattato in maniera oggettiva, senza quei personalismi e giochi di partito ai quali abbiamo detto “no”, e che no, in questa nuova ed eccezionale avventura di condivisione.

Chiediamo che le istituzioni provinciali e comunali si confrontino, che le istituzioni delle due province coinvolte(Roma, oltre che Frosinone) espongano le proprie analisi, esplichino le conseguenti risoluzioni e che le confrontino l’una con l’altra, chiediamo che le associazioni, fondazioni, sindacati del territorio abbiano la possibilità di confrontare le loro reciproche proposte ed inoltre che il nostro contributo non sia dimenticato e che ci venga data la nostra parte, quella che ci spetta dopo giorni e notti di lavoro serio e costante.

“Uniti si vince” deve essere un’assioma al quale, almeno stavolta, non dovranno esserci eccezioni di alcun tipo, soprattutto di natura politica: chiunque userà questo spazio per fini personalistici o partitici deve sapere che quelle centinaia, migliaia di persone che hanno conquistato faticosamente questo spazio useranno contro di loro l’arma tipica del cittadino, quella della democrazia.

 

O si risolve il problema o si muore..in tutti i sensi..

Un abitante della Valle del Sacco

 

 



Annunci

One thought on “Sondaggio Repubblica: trasportiamo l’unione dal web al mondo reale

  1. Caro Gianluca, volere è potere, e l’unione fa la forza.
    Dobbiamo solo crederci, ed andare avanti.
    Lo dobbiamo a noi stessi perché se rispettiamo la nostra terra, rispetteremo noi ma sopratutto le generazioni future.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...