Cogitanscribens: genesi e arcobaleno..


Un famoso comico direbbe: “Il problema non è chi è, ma p’chè?”.

Ecco, a prescindere dal fatto che a parlare siamo io, Giovanni, Pierfrancesco e gli altri (at list but not the last!), concentrerei maggiormente la mia attenzione su cosa vuol dire scrivere per noi su questo blog e quali sono le cause che ci hanno indotto a farlo.

Tutto è iniziato da Giovanni.

Parlare tra amici dei problemi della scuola, delle possibili soluzioni era diventato un qualcosa di limitante e neanche troppo soddisfacente: finivamo col ritornare sui soliti discorsi e soprattutto le parole dette rimanevano tra noi, sentivamo di aver bisogno di un mezzo più adeguato per diffondere ed approfondire le nostre discussioni.

Giovanni, più esperto di me nel mondo informatico, trovò la soluzione: un blog su wordpress.

I motivi non erano pochi per faro: i maligni diranno per voglia di protagonismo, per farsi notare, ricevere applausi e complimenti, ma a questo risponderò più tardi.

Avevamo a disposizione un pubblico, almeno potenzialmente, davvero ampio ed eterogeneo e la possibilità di confrontarci con pensieri, idee diverse, sono sempre più convinto che un senso della vita possa essere quello di guardarla da prospettive differenti anche estranee dai prismi della nostra mente che riflettono la luce dei nostri pensieri.

Ognuno di noi vede una piccola parte di quella gamma di colori che compongono l’arcobaleno della nostra vita e di sicuro l’unica soluzione che esiste per condividere tale spettacolo è cercare l’altro, renderlo partecipe che esistono altre sfumature a lui originariamente invisibili ed implorarlo affinché lui te ne mostri delle altre.

Le mie stesse idee sono cambiate ed è merito di tutti coloro che hanno deciso di commentare, di suggerire o di partecipare occasionalmente al blog o a discussioni improvvisate sull’attualità, in primis Giovanni le cui posizioni erano in partenza confliggenti (è dir poco) con le mie e, non credo di peccare di superbia affermando che la reciproca situazione possa essere affermata dallo stesso compagno di avventure e di blog.

A chi pensa che il nostro scopo sia un altro, o che io ed altri siamo già schierati a prescindere contro il Comune, chiedo di riflettere non su Gianluca Popolla, Giovanni Proietta, Pierfrancesco Gizzi, Giancarlo Ruggero, Sara Bucciarelli, Alessandro Liburdi e compagni ma su quello che questi ragazzi provano a dire ogni volta che scrivono un articolo, un pensiero o mettono in evidenza una manifestazione od un incontro, ogni volta che potrebbero uscire di casa, allungarsi sul letto, studiare, aiutare fratelli e sorelle nel fare i compiti chiediamoci, chiedetevi perchè preferiscono scrivere un articolo:

abbiamo tutti una gran voglia di ammirare quello spettacolo di luci e colori che si chiama vita.

 

Gianluca Popolla

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...