Il fine giustifica i mezzi-Riflettendo su Facebook


Quando Mark Zuckengerb, giovane studente di Harvard appena diciannovenne, creò Facebook, non aveva la più pallida idea di come una semplice piattaforma di social-networking, si sarebbe poi trasformata in una dimensione parallela fondamentale della vita comunicativa moderna. Dove  Dio, la propria Nazione, la propria classe, erano state le uniche istituzioni garanti di identità per l’uomo, ora campeggia in bella mostra la propria vita internautica.

Facebook diventa, anche troppo spesso, il luogo dove trasferire una parte di sé, dove poter esistere ed urlare la propria identità in quel coro stonato che è la società di massa di oggi, dove vince chi urla di più.

Facebook diventa un amico, con cui condividere pensieri, dove l’affermazione della propria individualità è resa più semplice, tale da oltrepassare il velo di timidezza che cela un’adolescenza normale, un posto dove si possa decidere di essere quello che si vorrebbe essere nella vita quotidiana, un’illusione più che un sogno che talvolta sa regalare speranze.

Stare una settimana lontana da Facebook mi ha fatto male, direte? In effetti il mio lessico è andato oltre l’umana comprensione e così la mia mente ha cominciato a funzionare, causa, forse, della scomparsa dipendenza dal popolare social network. Ebbene si, non si vive di solo Facebook, sarebbe questa la tanto osannata conclusione che molti vorrebbero veder uscire dalla mia tastiera ma (e mi dispiace deluderli) la mia riflessione non è stata affatto negativa: ha, piuttosto, ridimensionato entro i giusti confini quello che è un ottimo mezzo di comunicazione.

Se oggi siamo arrivati dove siamo arrivati è perché abbiamo elaborato un sistema di comunicazione (e di collaborazione) con i nostri simili: quel linguaggio che in tanti manuali di biologia sembra doverci dividere dagli animali. Questo bisogno umano elementare rende necessaria la vita in comunità,primo luogo di relazione, di confronto con i simili. L’appartenenza ci regala un’identità senza la quale nessun uomo esiste veramente. Anche chi afferma di essere veramente se stesso, è se stesso proprio nella misura in cui non è come gli altri e obbedisce, più meno coscientemente, ad un universo di valori che gli è stato trasmesso. Essere umani significa essere umanizzati, introdotti, cioè, nella comunità umana, l’unica dalla quale a nessuno di noi, è dato di sfuggire, originali e conformisti e persino i più radicali scioperanti contro il sistema. Insomma: l’uomo ha bisogno degli altri, di appoggiarsi agli altri, per stare meglio e capire se stesso, ed è per questo che si rivolge ad una comunità pronta a donargli senza tanti convenevoli un’identità e soprattutto tanti “Amici”, tutti uniti in una finta valle di Giosafat.

Il senso di questo infinito abbraccio virtuale risiede proprio nella sua natura di mezzo di comunicazione che, in quanto tale, ha il potere di diventare un pericoloso quanto intrigante giocattolo nelle mani di chi non sa farne il giusto uso . “Da grandi poteri derivano grandi reponsabilità” ricordava Zio Ben al suo eroico nipote e se da un lato è vero che le potenzialità di Facebook sono indiscutibili(avreste mai pensato qualche anno fa che fosse possibile diffondere così tante informazioni in un campo così esteso?), è vero anche che questo social-network può diventare “curiosare qua e là”, cercare, trovare, entrare nell’intimità delle persone, ma si tratta di un gioco a carte scoperte, dove chi si siede al tavolo deve conoscere bene le regole per evitare di essere travolto da perdite irrecuperabili. Ognuno punta la sua quota sul panno verde, può decidere se vedere o essere “visto” e lo accetta. Ognuno è responsabile della propria partita.

Vi aspetterete un finale tragico , ma i toni di questo articolo non hanno rispettato le mie aspettative; come al solito prendo poco sul serio le cose importanti e analizzo a fondo cose apparentemente banali, volevo fare un articolo e ho scritto un mezzo saggio, pazienza, sarà per un’altra volta.

Dicevo? Concludo: il fine giustifica i mezzi.

Intelligenti pauca

Giovanni Proietta

Annunci

One thought on “Il fine giustifica i mezzi-Riflettendo su Facebook

  1. Pingback: Il fine giustifica i mezzi-Riflettendo su Facebook | Ciociaria Notizie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...