I reticoli cristallini della politica


Cari lettori,

parto da uno spunto datomi dall’amico Giovanni per delineare, in maniera esplicita e spero piu’ chiara, del mio pensiero a riguardo della politica che caratterizza la nostra quotidianita’.

Per prima cosa non credo che per migliorarci serva un cambiamento della classe politica, bensi’ serve un modo di intendere la politica diversamente separandoci da una specie di blocco mentale che ci tiene fissi sulle nostre posizioni senza possibilita’ che il dialogo porti variazioni alla nostra indagine , che pertanto non e’ piu’ razionale, ma diviene una pura esposizione del proprio pensiero.

Molte troppe volte sia a livello comunale che statale abbiamo visto lo svolgersi di “partite” all’ultimo sangue tra i partiti dei due schieramenti, che molto spesso assetati di potere o vogliosi di mantenere le loro cariche istituzionali hanno pensato di accusarsi vicendevolmente e mettere in evidenza l’uno dell’altro le mancanze e gli errori.

Da questa individuazione degli errori pero’ non e’ quasi mai scaturita un’analisi profonda delle problematiche da risolvere poiche’ le due squadre erano troppo preoccupate a contendersi la vittoria…non capendo mai che “la partita politica” deve avere un unico vincitore : i cittadini tutti…

Quello che volevo intendere nello scorso articolo in cui forse non sono stato tanto capito e’ che noi giovani di eta’ e d’animo(lo ripeto di nuovo) non dobbiamo cristallizzarci in quel reticolo, complesso ed immobile, della politica quotidiana.

Dobbiamo filtrare cio’ che ci viene detto e, soprattutto quando discutiamo tra noi, non dobbiamo insultarci o scontrarci per differenze politiche, perche’ tutti noi siamo alla ricerca dello stesso fine, perche’ tutti noi possiamo imparare da chi ci sta di fronte ed allo stesso tempo insegnargli qualcosa, rifiutiamoci di seguire la politica “degli slogan” e priva di contenuti, delle leggi ad personam e degli attacchi personali, entrambe le cose sono sbagliate ed in futuro dobbiamo evitare che esse accadano…

Noi giovani siamo la speranza per un futuro migliore,
noi giovani siamo “la prima generazione a poter cambiare le cose”,
noi giovani dobbiamo darci un futuro e darlo ai nostri figli con il massimo dei nostri sforzi,
noi giovani siamo veramente”gli artefici del nostro destino”…

NON SPRECHIAMO QUESTE POSSIBILITA’…

Gianluca Popolla

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...