Cambiare senza accorgersene – Da “diplomificio” a caserma…


Alla vigilia del provvedimento Gelmini (ringrazio Gianluca per la puntualizzazione), si presentava una scuola in bilico, figlia di anni di riforme sgangherate, inutili e politiche, all’insegna del recupero a tutti  i costi, nella quale l’obiettivo non era più l’educazione bensì il titolo di studi.

In questo mondo arriva un provvedimento dell’attuale governo, un provvedimento che, come i suoi innumerevoli predecessori, crede di risolvere tutti i problemi della scuola con il solito annuncio da cartellone, adatto forse più alle pagine del Corriere della Sera che ad una realtà seriamente desiderosa di migliorare.

“Con un 5 niente maturità”; benissimo, forse nel mondo platonico delle idee, ma non dove, per anni e anni il motto è stato “Con un 5 maturità certa”; ed è così che, la stessa situazione vista senza le lenti rosee della precedente legge in merito, appare tragicamente ed “improvvisamente cambiata”. Mi permetto di dissentire, di aprire gli occhi a molti che sembrano voler rimanere chiusi nelle loro idee, io credo che nulla sia cambiato, che gli studenti, seduti nei banchi siano sempre gli stessi e che altrettanto valga per i voti. L’atteggiamento che si sta creando in questo periodo a scuola, mi dispiace dirlo, profuma tanto di ipocrisia.

Voglio capire i poveri insegnanti ( detto senza alcuna ironia), che si trovano costretti, avendo la via sbarrata da questo provvedimento, a dover  ragionare e valutare secondo le regole della precedento riforma, costretti da una logica che non sta più in piedi. Dov’è l’ipocrisia? Nel non ammettere questo, nel pronunciare forzature del tipo: “Dovete studiare di più!”- a mio parere ridicole. Come si fa a pretendere negli ultimi due mesi del quinto un recupero di lacune accumulate negli anni, quando fino a ieri la scuola, grazie agli obietivi minimi, ha permesso alle stesse persone che dovrebbero recuperare, di andare avanti?

“Bisogna che tutto cambi perchè tutto rimanga com’è”

                                                                                                       Il Gattopardo

                                                                            Giovanni Proietta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...